Trekking per tutti

Via Amerina Wild – trekking nella “giungla” tra vie cave e necropoli falische – 8 maggio 2021

    Un’altra escursione all’insegna della storia, dell’avventura e del paesaggio. Questa volta vi porteremo nel mondo dei Falisci, antichi abitanti del territorio chiamato Agro Falisco, “vicini di casa” degli Etruschi. Percorreremo prima un sentiero fiabesco per arrivare alla monumentale Via Cava di Fantibassi, scavata a mano nel tufo nel IV secolo a.C. Proseguendo sui prati nella direzione di Novii Faleri, ci troveremo improvvisamente a camminare sull’antico basolato romano della Via Amerina, l’antica strada costruita dai romani nel III secolo a.C. Ammireremo la più grande necropoli falisca esistente, lo straordinario Cavo degli Zucchi, e la meravigliosa tomba rupestre , Tomba della regina.

    Nepi – trekking tra Cascate dei Cavaterra e del Picchio, vie cave e natura selvaggia – 1 maggio 2021

      Dopo il trekking su Via Amerina di qualche settimana fa, torniamo nella splendida terra dei Falisci per scoprire le altre bellezze naturali e archeologiche. Partiremo dal centro storico di Nepi per ammirare la sua instancabile Cascata dei Cavaterra, per poi inoltrarci nella sua forra, un vero canyon, dove ci aspetta la Cascata del Picchio. Anche se le due cascate distano solamente 1 km in via d’aria, per noi sarà un “giro da capogiro” di qualche chilometro. Cammineremo su un sentiero saliscendi, scavalcheremo qualche tronco e anfratto roccioso, guaderemo in più punti aiutandoci con le corde preinstallate.

      Appia Antica Coast-to-Coast – archeotrekking sulla route Caffarella + Via Appia + Parco degli Acquedotti – 25 aprile 2021

        Immagina un parco così grande da doverlo visitare a tappe, e Il Parco Regionale dell’Appia Antica lo è! Ecco perché abbiamo scelto di proporre un archeotrekking in versione “da costa a costa”, come se dovessimo fare un lungo viaggio contando le miglia (e lo faremo in un certo senso).
        Una sequenza ininterrotta dei più curiosi monumenti dal III al V miglio, raccontata a due voci da una storica dell’arte e un architetto paesaggista.

        Monte Mario, cercando il mare – trekking naturalistico sulla montagna di Roma – 24 aprile 2021

          Nella città eterna ci sono delle colline chiamate Monti della Farnesina e il punto più alto, guarda un po’, è Monte Mario con i suoi 139 metri di altezza. Il territorio è il rilievo più imponente di Roma e, assieme al Gianicolo e al Pincio, è uno dei punti più panoramici della città.

          Monte Mario era noto già in epoca dell’Antica Roma, perché i più abbienti scappavano dall’aria malsana dell’Urbe per poter trascorrere periodi respirando l’aria più pulita, edificando delle bellissime ville residenziali (ne vedremo alcune).

          Ma come si fa a trovare il mare in cima a un monte?

          San Vittorino Cascate + Ponte Terra – trekking nel Comune di Roma – 2 aprile 2021

            San Vittorino è un borgo ricco di bellezze storico-archeologiche, paesaggistiche e naturalistiche e, nonostante si tratti di una frazione del Comune di Roma appartenente al municipio VI, questo borgo è sconosciuto ai più! Ecco perché vi porteremo a conoscere questo piccolo gioiello nel momento in cui possiamo muoverci solo all’interno del Comune di Roma.

            Partiremo dal delizioso Castello Barberini, per inoltrarci nella forra del Fosso di Ponte Terra. Il nostro primo obiettivo è raggiungere un’opera ciclopica, il Ponte Terra, con il suo vasto complesso di cuniculi, alcuni dei quali così arcaici da essere intercettati e distrutti da altre opere antiche! La grande costruzione in terra e le due gallerie di “bypass” del torrente risalgono a III – II secolo a.C.

            Nepi – trekking tra Cascate dei Cavaterra e del Picchio, vie cave e natura selvaggia – 7 marzo 2021

              Dopo il trekking su Via Amerina di qualche settimana fa, torniamo nella splendida terra dei Falisci per scoprire le altre bellezze naturali e archeologiche. Partiremo dal centro storico di Nepi per ammirare la sua instancabile Cascata dei Cavaterra, per poi inoltrarci nella sua forra, un vero canyon, dove ci aspetta la Cascata del Picchio. Anche se le due cascate distano solamente 170 m in via d’aria, per noi sarà un “giro da capogiro” di qualche chilometro. Cammineremo su un sentiero saliscendi, scavalcheremo qualche tronco e anfratto roccioso, guaderemo in più punti aiutandoci con le corde preinstallate.

              Farfa e Fara Sabina – trekking tra abbazie, eremi e panorami mozzafiato nelle terre Sabine – 28 febbraio 2021 (2° gruppo)

                Questo trekking ci porterà a soli 50 km da Roma, nei due borghi nelle terre Sabine – Farfa e Fara Sabina. Cominceremo il nostro giro dalla meravigliosa Abbazia di Farfa, che ci catapulterà nel medioevo con le sue secolari vicissitudini intrecciate ai misteri, per poi dirigerci verso il Monte Aguzzano (489 m). Un panoramico sentiero ci farà apprezzare le bellezze paesaggistiche delle Sabine, mentre Ampelodesmos mauritanicus – erba cespugliosa nota come “tagliamani” – ci accarezzerà, nonostante il nome, lungo il tragitto.

                Farfa e Fara Sabina – trekking tra abbazie, eremi e panorami mozzafiato nelle terre Sabine – 28 febbraio 2021

                  Questo trekking ci porterà a soli 50 km da Roma, nei due borghi nelle terre Sabine – Farfa e Fara Sabina. Cominceremo il nostro giro dalla meravigliosa Abbazia di Farfa, che ci catapulterà nel medioevo con le sue secolari vicissitudini intrecciate ai misteri, per poi dirigerci verso il Monte Aguzzano (489 m). Un panoramico sentiero ci farà apprezzare le bellezze paesaggistiche delle Sabine, mentre Ampelodesmos mauritanicus – erba cespugliosa nota come “tagliamani” – ci accarezzerà, nonostante il nome, lungo il tragitto.

                  Maschio d’Ariano – trekking avventuristico tra canyon, ruderi medievali e fonti miracolose – 21 febbraio 2021 (SOLD OUT!)

                    Il Maschio d’Ariano è una delle vette del Monte Artemisio situato nel Parco Regionale dei Castelli Romani. E’ la meta perfetta per chi voglia spingersi a una cima panoramica (quasi 900 m) girando in mezzo alle rovine di un castello e la sua chiesa inglobate dalla natura, i resti di un vicino canyon tufaceo e le tombe dell’età del ferro. Uno spettacolo davvero suggestivo che ci catapulterà in un affascinante viaggio indietro nel tempo.